Il nuovo esame di abilitazione per l’avvocato e i corsi obbligatori da 18 mesi

| Esame Avvocato

Con la riforma dell’esame per l’abilitazione professionale l’accesso alla professione si fa ancora più difficile per i per i praticanti avvocati; infatti, dopo numerose proroghe è oramai certo che a far data dal 28 settembre 2020, i nuovi praticanti saranno tenuti a partecipare ai corsi di preparazione obbligatori di 18 mesi.

I corsi

I corsi saranno organizzati da Ordini, associazioni forensi e altri enti accreditati; avranno una durata minima di 160 ore in 18 mesi e sarà previsto – ovviamente – l’obbligo di frequenza al 80% delle lezioni. Prevista anche la possibilità di svolgere alcune lezioni in modalità e-learning, ma non più di 50 ore. Inoltre sono obbligatorie delle verifiche intermedie e una finale.

La prova finale

Al termine del corso, superata con successo la prova finale, il praticante avvocato riceverà un certificato di compiuto tirocinio, necessario per iscriversi all’esame; inutile sottolineare che qualora non superi la prova finale sarà tenuto a frequentare nuovamente il corso. Questo obbligo riguarda fortunatamente solo l’ultimo semestre.

Un elenco degli enti accreditati sarà reso pubblico sul portale istituzionale del CNF e del Consiglio dell’Ordine del circondario.

E-learning

Prevista la possibilità di svolgere delle lezioni via internet, ma vi è un limite di 50 ore. Naturalmente deve essere predisposto un sistema di verifica che assicuri l’effettivo svolgimento dell’attività e l’attenzione del candidato durante la lezione a distanza.

Materie obbligatorie

  • Diritto Civile, Diritto Penale, Diritto Amministrativo;
  • Procedure Civile, Penale e Amministrativa, il tutto integrando anche il processo telematico;
  • Le tecniche impugnatorie e le procedure alternative per la risoluzione delle controversie;
  • L’ordinamento e la deontologia forense;
  • La tecnica di redazione degli atti giudiziari rispettando il principio di sinteticità
  • La redazione dei pareri stragiudiziali nelle materie di diritto sostanziale e processuale;
  • Tecniche della ricerca delle  fonti e del precedente;
  • Il linguaggio giuridico e l’argomentazione forense;
  • Diritto Costituzionale, Diritto del lavoro, Diritto Commerciale, Diritto della UE, Diritto Internazionale, Tributario e Ecclesiastico;
  • Organizzazione e amministrazione dello studio;
  • Aspetti contributivi e tributari della professione di avvocato;
  • La previdenza forense;
  • Elementi di ordinamento giudiziario e penitenziario.

Borse di studio.

L’ente che organizza il corso, ha la possibilità di prevedere delle borse di studio in favore dei praticanti meritevoli per rendimento o in ragione del reddito.

Esonero dall’obbligo di frequenza

È previsto un esonero dall’obbligo di frequenza fino a 6 mesi, per i praticanti che dimostrino che il tirocinio sia svolto in un altro paese facente parte dell’Unione Europea

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.